IL VESCOVO

 

Mons. Daniele Gianotti
Vescovo di Crema

LO STEMMA
CONTATTI

CURIA VESCOVILE
piazza Duomo, 27
26013 CREMA (CR)
0373.256274
e-mail: curia@diocesidicrema.it

SEGRETERIA VESCOVILE
piazza Duomo, 27
26013 CREMA (CR)
0373.256565
e-mail: segreteriavescovo@diocesidicrema.it

Interventi

Nuovo Monastero a Bolzone

Per l’inizio di questo anno pastorale, il Signore ci ha preparato e ci offre un grande dono, di cui sentivamo la mancanza: è l’ arrivo di una piccola comunità di vita contemplativa, che, almeno provvisoriamente, prenderà dimora presso la casa parrocchiale di Bolzone (zona pastorale sud), in attesa, se Dio lo vorrà, di disporre una casa di accoglienza presso il santuario del Binengo, a Sergnano.                                          

Nei secoli passati, lo sappiamo, la diocesi di Crema ha ospitato contemporaneamente diversi monasteri di clausura. Ci fu un tempo in cui a Crema erano presenti ben sei monasteri, appartenenti a diverse congregazioni religiose: le Cappuccine, le Clarisse, le Convertite, le <teresine, i monasteri Mater Domini e Santa Monica, era il millesettecento. Poi, gradualmente, per tante circostanze, queste suore si sono trasferite altrove, lasciandoci privi di un apporto importante per rendere feconda l’opera apostolica e missionaria della Chiesa.                                                                                

Accogliere una Comunità monastica è oggi, nella nostra realtà diocesana, oltre che un gesto di coraggio,  un indubbio segno profetico, tanto più che molti, anche cristiani,   non ne comprendono per nulla il valore e non trovano ragioni sufficienti per una simile sussistenza. Molte obiezioni ricorrono al riguardo da parte di coloro che, più sensibili all’impegno concreto, sono tentati di considerare la vita contemplativa come un’ evasione dal reale, una attività anacronistica e inutile. Per questo, quanto più si fa fatica a comprendere il valore e il ruolo della vita contemplativa nella Chiesa, tanto più è necessario rimarcarne la feconda presenza all’interno del Corpo mistico.                    

Da anni mi sono preoccupato di trovare una soluzione a questa mancanza, convinto qual sono che è ben povera una Chiesa locale priva del carisma della vita contemplativa, segno della gratuità dell’amore offerto a Dio a vantaggio di tutti gli uomini. Essa ci assicura che la Chiesa non è fondata sull’efficienza delle nostre organizzazioni o su tanti progetti pastorali che spesso sfumano. Le strutture sono sì necessarie, purché siano considerate un semplice mezzo e non un fine. Altri segni sono  indispensabili perché si comprenda che la Chiesa è fondata  innanzitutto sulla piena e totale fiducia in Dio, che guida silenziosamente, ma efficacemente, la storia umana, il cui valore è dato, oltre che dall’impegno attivo e responsabile degli uomini, dalla fecondità della preghiera, dall’offerta della vita nel nascondimento, dalla testimonianza del primato dello Spirito. Abbiamo bisogno che tra noi qualcuno ci richiami continuamente il compito di testimoniare la presenza e l’azione di Dio, che precede e accompagna qualunque nostra azione. Abbiamo bisogno di qualcuno che ci insegni a far emergere dal nostro spirito quella “sete di Dio” che esiste realmente nel nostro cuore. Abbiamo bisogno di chi ci insegni che il tempo della preghiera non è tempo perso, ma occasione nella quale impariamo da Dio un amore ardente per Lui, per la Chiesa, per il mondo e una carità concreta per i nostri fratelli.                                       

La presenza di una piccola comunità contemplativa (si tratta di monache carmelitane) con la sua stessa vita, ritmata dalla preghiera, sarà un forte richiamo per tutti, un polmone quanto mai necessario perchè operiamo secondo Dio, ossia con i suoi criteri, tanto diversi dai nostri.                                                                                                               

Auguriamo a queste nostre sorelle di sentirsi parte viva di questa Chiesa locale, un piccolo, ma fecondo seme, un segno vivo dell’attesa ardente del  Signore che viene!

Nella Chiesa parrocchiale di Bolzone, domenica 22 settembre, alle ore 17, celebreremo una liturgia di lode e di ringraziamento come segno di inizio della Comunità contemplativa. Invito  sacerdoti, religiose/i e fedeli a pendere parte a questo momento tanto bello e significativo per la nostra Chiesa.

Il vostro vescovo +Oscar                                                        

 





Visite: 2015
Stampa



Copyright © ENTE DIOCESI DI CREMA - piazza Duomo, 27 - 26013 CREMA (CR) 0373.256565 - Crediti